L’anagrafica dei pazienti: un tesoro dal valore inestimabile